San Martino di Castrozza

Soggiorno ad alta quota. A San Martino di Castrozza sembra di poter toccare le montagne con un dito e la natura si integra perfettamente con il piccolo centro alpino, permettendo una vacanza in quota – siamo a 1.450 metri sopra il livello del mare – con tutti gli agi e le comodità di una capitale alpina estiva ed invernale. La corona di montagne è formata da Cimon della Pala, Rosetta, Cusiglio, Pala di San Martino, Cime di Val di Roda, Sass Maor, Cima della Madonna; a sud si ammira la catena delle Vette Feltrine e, completando il giro a 360°, il Lagorai regala l’Alpe Tognola e le cime di Colbricon e Cavallazza. Le distanze sono sempre contenute, gli impianti di risalita sono raggiungibili anche a piedi. Il servizio di skibus agevola gli spostamenti e collega a Passo Rolle, a 9km di distanza. Per gli appassionati di montagna e di sport è la meta ideale: in inverno offre tutte le possibilità legate alla neve, oltre al classico sci da discesa, snowboard, freeride, fondo, craspe, sci alpinismo, go-kart su ghiaccio. In estate, le attività outdoor spaziano dalle classiche escursioni a tutte le altitudini, ai percorsi del Parco Avventura Agility Forest e Bike Arena, al nordic walking, ai divertenti parchi gioco per lo svago dei bambini ed il relax degli adulti. In tutte le stagioni le attività indoor si concentrano al palazzetto dello sport – altissima la parete di arrampicata libera – e nelle strutture wellness degli alberghi. Gli eventi e le manifestazioni si susseguono con varietà degna delle migliori stazioni turistiche, come l’ampia offerta ricettiva e gastronomica di ottimo livello. L’area sciistica San Martino di Castrozza – Passo Rolle gode nell’area dolomitica di una posizione unica: punta meridionale del carosello Dolomiti Superski, essa vanta temperature mai troppo rigide ed innumerevoli giornate di sole splendente. Maestose ed eleganti montagne di corallo che svettano imperiose, ma al tramonto sanno arrossire come giovani innamorate…ecco a voi le Pale di San Martino. La loro storia geologica ebbe inizio 300 milioni di anni fa: in un mare tranquillo e poco profondo enormi colonie di coralli si moltiplicarono fino a costruire scogliere di oltre mille metri di altezza. Dopo l’emersione, queste barriere coralline furono modellate dagli agenti atmosferici fino a definire le forme aguzze e taglienti che oggi caratterizzano il panorama. Il nome dolomia (quella delle Pale è per la precisione Dolomia dello Sciliar) è un omaggio allo scopritore, il marchese Déodat De Dolomieu, che nel 1788 durante un viaggio nelle nostre montagne ne scoprì la composizione (doppio carbonato di calcio e magnesio). Ma ciò che affascina tutti – dai viaggiatori ottocenteschi fino ai turisti di oggi – è soprattutto l’Altipiano delle Pale: luogo lunare, misterioso tavolato di pietra sospeso a 2.700 metri d’altezza, cinquanta kmq di nuda roccia da scoprire. Le piste Le piste si estendono per oltre 60 km, tra i 1400 ed i 2400 m di quota all’interno di uno scenario naturalistico unico. Le piste presentano ogni grado di difficoltà, con tracciati avvincenti, cambi di pendenza e tratti veloci su pianori, alla portata degli sciatori alle prime armi ed entusiasmanti per gli esperti. La perfetta manutenzione è garantita da ben 15 mezzi battipista, che ogni notte sono al lavoro per preparare al meglio i tracciati. Gli impianti In totale operano nell’area sciistica San Martino di Castrozza – Passo Rolle 23 impianti di risalita, tra cui le veloci cabinovie ad agganciamento automatico di Tognola e Colverde e la seggiovia quadriposto di Punta Ces con cupoline in plexiglas. Imperdibile la salita sulla Colbricon Express, la nuovissima cabinovia da 10 posti in funzione nell’area Ces a partire dall’inverno 2018/19. Tutte le piste della ski area, incluse quelle di Passo Rolle e Passo Cereda, sono raggiungibili con il comodo servizio di skibus. Innevamento assicurato Il potenziamento degli impianti di innevamento programmato garantisce ormai una sciabilità ottimale sul 95% della ski area in ogni momento della stagione. A Passo Rolle, dove si scia oltre i 2000 m di altitudine, la stagione va da fine novembre a fine aprile, mentre a San Martino gli impianti sono in funzione da Sant’Ambrogio a Pasqua. La pista “Colverde” di San Martino di Castrozza è una bella rossa di 2600 metri di lunghezza e 500 metri di dislivello, servita da una veloce cabinovia, e illuminata per lo sci notturno. Il tracciato si snoda lungo un suggestivo bosco di abeti e larici con divertenti e ripetuti cambi di pendenza e direzione, seguendo un tracciato di media difficoltà. La pista è larga e molto sciabile; parte al cospetto delle maestose Pale di San Martino ed arriva direttamente nel centro del paese. Il sistema di illuminazione è costituito da 35 palloni illuminanti “Sunglobe”: sfere di 1,5 metri di diametro, montate in alto sui piloni dell’impianto di innevamento, che diffondono sulla pista una luce soffusa con effetti molto suggestivi. Famiglie Questa destinazione offre alle famiglie la possibilità di organizzare una vera e propria vacanza family, da vivere in uno scenario da fiaba che ha per confini maestosi boschi d’abete, verdi pascoli alpini e spettacolari cime dolomitiche. Qui in estate é possibile fare delle lunghe passeggiate su facili sentieri percorribili anche dai piccoli viaggiatori, arrampicarsi tra le funi del parco avventura Agility Forest oppure divertirsi lungo i numerosi percorsi tematici all’interno del Parco di Paneveggio Pale di San Martino. Non mancherà poi l’occasione per visitare le tante fattorie didattiche per un viaggio alla scoperta della vita del mondo contadino. Tra baby trekking, baby bike e diversi parchi giochi a San Martino di Castrozza e nei paesi delle valli di Primiero e del Vanoi le possibilità di divertimento sono davvero numerose. Un luogo di montagna dove fare sport, ma anche una meta solo per rilassarsi e farsi coccolare mentre i bambini trascorrono giornate spensierate all’aria aperta. Vacanze e Gusto Il gusto delicato di una fetta di Tosela fresca accompagnato dal sapore più corposo della luganega servita insieme all’immancabile polenta, mentre tutt’intorno sorrisi, canti popolari e musica folkloristica riempiono una piazza in festa. Nei paesi delle valli di Primiero e del Vanoi, così come il centro di San Martino di Castrozza ogni anno storia e tradizioni rivivono grazie a eventi, mercatini e mostre dedicate. Un calendario davvero ricco di manifestazioni legate a gastronomia e tradizioni rurali come la “Festa del Canederlo” e la “Gran Festa del Desmontegar”, si abbina a mostre permanenti (Palazzo delle Miniere, Palazzo Scopoli) ed itineranti (Cataste e Canzei, Sentarte…) o a visite guidate nei pittoreschi esercizi rurali presenti sul territorio. Da non perdere poi l’opportunità di acquistare i migliori prodotti alimentari direttamente a km 0 nei principali punti vendita della località, come il Caseificio di Primiero, simbolo dell’abilità casearia nella lavorazione del latte ai piedi delle Pale di San Martino.

Il Comprensorio in numeri

IMPIANTI DI RISALITA

kms DI PISTE per lo sci alpino

kms di piste per lo sci di fondo

CARTINA SCIISTICA

Gruppo First Travel